Il tunnel carpale è un passaggio tra il legamento e le ossa alla base del palmo della mano, attraverso il quale si trova il nervo mediano.

Chi soffre della Sindrome del tunnel carpale avverte:

  • formicolio;
  • bruciore;
  • prurito;
  • dolore all’avambraccio;
  • perdita di forza e sensibilità a livello di mano e dita.

Perché viene il tunnel carpale?

Quando si verifica un ingrossamento dei tendini, il tunnel carpale si restringe provocando la compressione del nervo mediano.

Le cause sono:

  • fattori ereditari
  • fattori ormonali: le donne sono più predisposte, soprattutto in gravidanza e menopausa
  • patologie: diabete mellito, insufficienza renale ed ipotiroidismo
  • infiammazione dei tendini
  • ispessimento del legamento del carpo
  • fratture al polso o al carpo
  • neoformazioni del tunnel carpale.

Se il paziente riferisce tali sintomi, il medico può accertare la diagnosi del tunnel carpale con esami di elettromiografia ed elettroneurografia.

Come curare il tunnel carpale?

Si consiglia in primis di ridurre l’attività della mano e del polso per evitare peggioramenti.

Per alleviare il dolore si possono effettuare impacchi con il ghiaccio e assumere farmaci antinfiammatori o analgesici.

Il medico può valutare la prescrizione di farmaci diuretici contro il gonfiore e di corticosteroidi per alleggerire la compressione del nervo.

Le terapie fisiche prevedono l’immobilizzazione delle articolazioni con un tutore apposito.

Il tutore per il tunnel carpale è in vendita in ortopedia, dove il paziente viene assistito nella scelta in base alle indicazioni del medico.

Le terapie di supporto sono:

  • laserterapia contro il gonfiore e il dolore
  • galvanoterapia per veicolare farmaci tramite l’applicazione di correnti elettriche
  • fisiokinesiterapia per il recupero delle funzionalità.

Se i sintomi persistono, si può effettuare un intervento chirurgico in anestesia locale.

Durante l’operazione viene tagliata la fascia di tessuti intorno al polso per ridurre la compressione sul nervo mediano.

Dopo l’intervento i risultati sono immediati, ma è necessario un percorso di fisioterapia per recuperare la forza del polso e della mano.

Condividi su: